Matthew 6 & Haydock Commentary

5 Et cum oratis, non eritis sicut hypocritæ qui amant in synagogis et in angulis platearum stantes orare, ut videantur ab hominibus: amen dico vobis, receperunt mercedem suam.

6 Tu autem cum oraveris, intra in cubiculum tuum, et clauso ostio, ora Patrem tuum in abscondito: et Pater tuus, qui videt in abscondito, reddet tibi.

Jesus’ Teaching on Prayer
Lk. 11.2-4

5 And when thou prayest, thou shalt not be as the hypocrites are: for they love to pray standing in the synagogues and in the corners of the streets, that they may be seen of men. (Lk. 18.10-14)

Verily I say unto you, They have their reward.

6 But thou, when thou prayest, enter into thy closet, and when thou hast shut thy door, pray to thy Father which is in secret; and thy Father which seeth in secret shall reward thee openly.

Commentary

Ver. 6. Because he who should pray in his chamber, and at the same time desire it to be known by men, that he might thence receive vain glory, might truly be said to pray in the street, and sound a trumpet before him: whilst he, who though he pray in public, seeks not thence any vain glory, acts the same as if he prayed in his chamber.

-Menochius

Jesus Christ went up to the temple, to attend public worship on the festival days.

In case you were wondering:

MENOCHIO, Giovanni Stefano. – Nacque a Padova il 9 dic. 1575 da Giacomo e da Margherita Candiani, figlia di Giovanni Antonio, mercante di Pavia.
Secondo il libro di famiglia, il M. fu battezzato il 15 dicembre nella chiesa di S.Bartolomeo di Padova, ed ebbe come padrini il giureconsulto Bartolomeo Selvatico e il celebre anatomista Girolamo Fabrici d’Acquapendente (Franchi, p. 341).
Dal matrimonio, celebrato il 10 luglio 1557, la coppia aveva avuto undici figli: Giovanni, che morì poco dopo la nascita, Gaspare Francesco, Paola Emilia, Giovanni (morto il giorno dopo la nascita), Giovanni Matteo, Laura, Daria Maddalena, Antonia Caterina, Olimpia, Pietro Martire e il M., l’ultimogenito.
Celebre giurista e senatore di Milano, il padre, che aveva ottenuto nel 1601 l’inclusione dei Menochio tra le famiglie decurionali pavesi, aveva diligentemente annotato nel suo libro di famiglia, interamente scritto in latino, ogni passo della sua vita; aveva poi lasciato il libro in consegna proprio al M. che ne scrisse le ultime righe. In seguito il M. lavorò a una biografia del padre in latino, di cui rimangono quindici capitoli (Milano, Biblioteca Trivulziana, Mss., 1627), insieme con l’autobiografia di Giacomo (in Franchi, pp. 342-354).

More here.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.